Igiene e sicurezza alimentare nel salmone affumicato.

Il salmone affumicato è uno dei protagonisti immancabili nel menù di Natale e Capodanno, ricco di proteine possiede valori nutrizionali che lo rendono utile nell’alimentazione per l’apporto di nutrienti molto importanti.

La tecnica dell’affumicatura, una delle procedure più antiche utilizzata e conosciuta nel mondo per la conservazione degli alimenti, richiede lungo tempo che spesso è incompatibile con le esigenze dell’industria alimentare, cioè di vendere prodotti in grande quantità e a basso costo. Ecco perché molti dei prodotti ittici che troviamo sugli scaffali dei supermercati sono definiti affumicati, ma in realtà non sono mai stati esposti al fumo secondo l’idea tradizionale che abbiamo di affumicatura, ma sono stati trattati con aromi che conferiscono all’alimento il tipico sapore dei cibi davvero affumicati.

Le diciture che vengono riportate nell’etichetta sono differenti: nel caso di affumicatura tradizionale reca in genere l’indicazione salmone affumicato con legno di (faggio, quercia etc.), nel secondo caso compare la dicitura “aroma di fumo” o “ aroma di affumicatura”.

La legislazione europea sugli alimenti ammette l’utilizzo di aromi di affumicatura, ma a condizione che siano sicuri per la salute e che il consumatore sia chiaramente informato sul loro utilizzo.

L’importanza di una corretta etichettatura.

L’etichettatura degli alimenti ha assunto sempre più importanza negli ultimi anni, perché non è sempre facile sapere se ciò che mettiamo in tavola è davvero come ce lo aspettiamo, molto spesso quello che pensavamo essere un alimento sano nasconde invece ingredienti, se non proprio negativi per la salute, quantomeno inadeguati per una dieta sana. L’etichettatura si pone l’obiettivo di comunicare al consumatore informazioni che caratterizzano il prodotto, per questo motivo oggi è molto importante saper leggere le etichette alimentari, vera e propria”carta di identità” del cibo che acquistiamo per la salvaguardia della nostra salute. Su di essa, sapendo dove cercare, è possibile ottenere tutte le risposte alle nostre domande, ai nostri dubbi e ai nostri bisogni nutrizionali.

Che cosa s’intende per etichettatura alimentare

Per etichettatura dei prodotti alimentari genericamente intendiamo tutte quelle informazioni obbligatorie (denominazione di vendita, elenco degli ingredienti, termine minimo di conservazione o data di scadenza, sede o indirizzo, quantità, nome o ragione sociale o marchio, numero di lotto, istruzioni d’uso, valori nutrizionali, etc.) che si possono trovare scritte sul rivestimento esterno (imballaggio) degli articoli commestibili o su altri documenti che accompagnano prodotti in vendita del settore alimentare. Talvolta si aggiungono anche informazioni facoltative (es claim, marchi di qualità, ricette ecc.) come valori aggiunti alle informazioni di base.

La finalità dell’etichettatura è quella di fornire una corretta informazione sulle caratteristiche del prodotto, non indurre in inganno il consumatore su caratteristiche e/o proprietà che il prodotto non possiede, valutare correttamente il rapporto tra la qualità del prodotto e il prezzo di vendita, garantire la correttezza delle operazioni commerciali, libera circolazione dei prodotti alimentari sui mercati comunitari e internazionali e promuovere commercialmente il prodotto.

Foodlab sta imponendo un nuovo approccio alla filosofia del mangiare pesce: quello della freschezza non congelata! Contattaci ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

cancella il moduloPost comment