Insalata di salmone: salmone affumicato e verdure sono una bella accoppiata in tavola! La verdura accompagna il salmone e gli dà corpo, senza mia sopraffare il suo gusto, semmai esaltandone alcune note grazie ad abbinamenti sapienti. Inoltre la verdura dà l’impressione di “sgrassare” il boccone e stempera gradevolmente il gusto affumicato.

Già, ma quali sono i migliori abbinamenti per gustare un’ottima insalata al salmone? Si fa presto a dire insalata: le possibilità che racchiude questa parola vanno dalle insalate tradizionali, e per questo sempre vincenti, alle nuove tendenze esotiche e molto interessanti, come la poke bowl di salmone.

Insalata di salmone affumicato: gli abbinamenti migliori

Per noi italiani la parola insalata evoca subito un bel piatto di foglie verdi, eppure le insalate sono fatte con verdura, ortaggi ma anche frutta, riso… insomma, la galassia delle insalate è davvero vasta. 

Qui però ci soffermeremo sulle insalate un po’ più classiche, quelle a base di verdura, ortaggi e frutta. Iniziamo però da un’insalata d’oltreconfine, nata in una delle terre che il salmone lo conosce bene e prima di noi: la Norvegia.

Insalata norvegese

Gli ingredienti per il salmone in insalata alla norvegese non sono pochissimi e conviene non trascurarne nemmeno uno per non perdere il gusto originale di questa ricetta.

Tra gli ortaggi abbiamo lattughino (almeno lo stesso peso del salmone), cipolla, cetriolo, ravanelli. A questi si aggiungono salmone affumicato e gamberetti lessati (la proporzione migliore è 5:2). Il tutto si condisce con un’emulsione di olio extravergine di oliva, sale, aceto, senape, salsa Worcester e un poco di pepe a piacere.

Insalata avocado e salmone affumicato

L’insalata della salute che fa bene al cuore è a base di salmone e avocado. Entrambi contengono, infatti, Omega 3.

Per bilanciare correttamente questi due cibi grassi, anche se ricchi di grassi buoni, serve dell’arancia o, se preferite, mela verde o melagrana. Condite con una citronette e il gioco è fatto.

Insalata arance e salmone

Arance dolci, condite con olio sale e pepe, e salmone affumicato. Un’insalata dalla semplicità disarmante almeno tanto quanto la sua bontà.

Poke bowl e sapori esotici, quando la ricetta viene da lontano

Poke significa “tagliato a cubetti”. La poke bowl è un piatto hawaiano che negli ultimi anni è diventato popolare a livello mondiale, un piatto unico e freddo completo di carboidrati, proteine e vegetali. La ricetta originale si è arricchita col tempo di ingredienti e abbinamenti.

Si tratta di una ciotola di pesce crudo (solitamente tonno) tagliato a cubetti e marinato, riso, verdura, frutta, tutto tagliato a cubetti regolari.

Bella, invitante e salutare, la poke bowl è ancora più buona quando è a base di salmone. Un’insalatona esotica sfiziosa ma anche ipocalorica, e quindi perfetta per mantenere la linea e mangiare in modo assolutamente equilibrato e salutare.

Poke bowl al salmone: una proposta

Prima di tutto il salmone: scegliete un bel filetto di qualità, come quello 24K. Tagliatelo a cubetti e marinatelo con due cucchiai di salsa di soia, un cucchiaino di aceto di riso, due cucchiai di olio di sesamo, peperoncino q.b., cipollotto a fettine sottilissime e semi di sesamo. 

Per la bowl preparate riso al vapore, cetrioli, avocado e altri ortaggi freschissimi come carote ma anche ravanelli (il piccantino col salmone ci sta molto bene) tagliati a fettine sottili. Distribuite nella ciotola i cibi ben separati tra loro e portateli in tavola.

Per insalate di salmone affumicato indimenticabili, scegliete la qualità Foodolab.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

cancella il moduloPost comment